Al momento stai visualizzando Stop al mercato tutelato dell’energia

Stop al mercato tutelato dell’energia

Oggi termina ufficialmente il mercato tutelato dell’energia elettrica che però rimarrà attivo gli utenti vulnerabili, come gli over 75, le persone economicamente svantaggiate e chi usufruisce della Legge 104. Gli utenti non vulnerabili che, invece, ancora non hanno effettuato nessun passaggio saranno automaticamente trasferiti al Servizio a tutele graduali, con tariffe parzialmente regolate da ARERA.

Paradossalmente, la bolletta degli utenti non vulnerabili, passati al Servizio a tutele graduali, risulterà inferiore di circa 113 euro all’anno rispetto a quella dei consumatori vulnerabili rimasti nel mercato tutelato per i quali Arera ha indicato un aumento in bolletta, nel prossimo trimestre luglio-settembre 2024, del 12%. Un aumento stimato in circa 600 euro all’anno per utenza.

Quello del 1° Luglio rappresenta uno storico passaggio al mercato libero, nella totale disinformazione dei consumatori, lasciati esposti a pratiche di teleselling selvaggio e aggressivo. Un consumatore informato è un consumatore che ha strumenti per scegliere liberamente e consapevolmente il fornitore più adatto alle esigenze dei consumatori. Lo abbiamo chiesto ripetutamente a tutti gli attori interessati, Mimit, Mase, Acquirente Unico, ma la campagna informativa prevista dalla Legge è partita tardi, male e non ha centrato l’obiettivo.

Per questo, l’Adoc ha attrezzato tutti i 107 sportelli territoriali lungo la penisola per aiutare e supportare gli utenti. A livello nazionale, un team di esperti di energia è pronto a dare risposte alle e-mail e alle chiamate.