Al momento stai visualizzando Rea: accogliamo la disponibilità dichiarata dalle banche, ma si passi dalle parole ai fatti

Rea: accogliamo la disponibilità dichiarata dalle banche, ma si passi dalle parole ai fatti

Accogliamo con favore le parole del Presidente dell’ABI, Antonio Patuelli, secondo cui i tempi sono maturi per una riduzione dei tassi e le banche sono già pronte a questa fase. Tuttavia, ci piacerebbe vedere azioni concrete, specialmente riguardo all’applicazione dei tassi creditori a favore dei correntisti e sui depositi.
È inaccettabile che, nel corso degli anni, l’aumento dei tassi di interesse decisi dalla BCE sia stato immediatamente trasferito sui mutui, senza un aumento in egual misura del tasso creditore sui conti correnti e sui depositi bancari. L’aumento dei tassi sui mutui e sui prestiti ha reso insostenibile il pagamento delle rate per molte famiglie. Questo ha portato molte persone a perdere le loro case, con un aumento delle proprietà messe all’asta. Mentre le banche aumentavano i propri profitti utilizzando proprio le disponibilità finanziare presenti sui conti correnti ai quali venivano applicati tassi anche a volte negativi.
Accogliamo la disponibilità dichiarata dalle banche, ma auspichiamo che si passi dalle parole ai fatti. È necessario che le banche applichino tassi più favorevoli sui conti correnti e sui depositi già esistenti, riducano le spese di gestione dei conti correnti e inizino a ridurre i tassi di interesse troppo elevati.