Al momento stai visualizzando Rc Auto: speculazioni, aumenti ingiustificati e ingiustizie territoriali

Rc Auto: speculazioni, aumenti ingiustificati e ingiustizie territoriali

ADOC presenta al MIMIT le sue proposte per contenere i prezzi

“Si specula sulla pelle degli automobilisti: aumenti ingiustificati e ingiustizie territoriali rendono l’Rc Auto un peso insostenibile per le famiglie italiane.” È quanto si legge in una nota dell’Adoc Nazionale, al termine della riunione della Commissione Allerta rapida di sorveglianza dei prezzi dell’Rc auto che si è svolta oggi al Mimit con il Ministro Urso e con i principali attori del comparto.

“Ancora una volta – prosegue l’Adoc – gli automobilisti italiani si trovano ad affrontare aumenti astronomici dell’Rc Auto. Secondo i dati IVASS, a novembre 2023 il prezzo medio annuale è stato di 391 euro, con un aumento del 7,8% in termini nominali e del 7,1% in termini reali rispetto all’anno precedente. A pesare sui cittadini sono anche le differenze territoriali: gli incrementi di prezzo oscillano tra il +4,6% ad Ascoli e il 12% a Imola, con un differenziale di premio tra Napoli e Aosta di 248,00 euro (+3,1%). Rincari superiori rispetto all’Indice dei Prezzi al Consumo che nel 2023 ha registrato una variazione media annua del +5,9% rispetto all’anno precedente. Le assicurazioni hanno quindi applicato un aumento superiore, per l’Adoc ingiustificato ed insostenibile per i consumatori con dei sistemi non equilibrati e non sempre trasparenti”.

Le proposte per contenere i prezzi

Per queste ragioni, l’ADOC ha presentato al tavolo della Commissione di Allerta Prezzi una serie di proposte per calmierare i prezzi dell’Rc auto e tutelare i consumatori. Per l’Associazione è necessario rivedere il metodo di attribuzione della classe di merito bonus-malus, in quanto il sistema attuale penalizza eccessivamente i consumatori in caso di incidente e ripartire la componente di rischio territoriale su tutte le province italiane, per una maggiore mutualità sociale e per evitare che automobilisti virtuosi paghino cifre altissime solo perché vivono in determinate zone. L’Adoc propone inoltre di inasprire il contrasto alle truffe assicurative per evitare che i costi ricadano sugli assicurati onesti e di rivedere il meccanismo del risarcimento diretto con CID a una sola firma per evitare abusi verso gli assicurati. È doveroso infine rafforzare i controlli sulla copertura assicurativa per contrastare la circolazione di veicoli senza assicurazione e stabilire una tariffa flat unica per coloro che non hanno uno storico assicurativo, come neopatentati e under 26, per riequilibrare i costi su tutto il territorio nazionale.

“Riteniamo queste proposte necessarie per contenere i prezzi, tutelare i consumatori e porre fine alle speculazioni – conclude l’Associazione di Difesa e Orientamento dei Consumatori. Le nostre proposte sono concrete e realizzabili e possono contribuire a rendere l’Rc Auto più giusta, trasparente e sostenibile per tutti.”