Aumento Iva, per spese primarie rincaro di 166 euro l’anno a famiglia, pari al 5,4% del reddito

Se il prossimo Governo non riuscisse a scongiurare l'aumento dell'Iva, nel corso del 2019 la famiglia media italiana subirà un incremento medio di imposta pari a 166 euro l’anno per…

Continua a leggereAumento Iva, per spese primarie rincaro di 166 euro l’anno a famiglia, pari al 5,4% del reddito

In Italia redditi più bassi del 24% della media UE, le spese ordinarie incidono sul 52% del reddito

Quanto spende una famiglia tipo italiana rispetto alle altre famiglie europee? E quanto incidono le spese quotidiane sul reddito? Secondo un’indagine dell’Adoc le spese mensili di una famiglia italiana raggiungono…

Continua a leggereIn Italia redditi più bassi del 24% della media UE, le spese ordinarie incidono sul 52% del reddito

SOS “Cura i tuoi soldi”, la nuova sezione di educazione finanziaria di FEduF per persone in difficoltà economica

È stato presentato SOS www.curaituoisoldi.it, il luogo virtuale interamente dedicato agli strumenti resi disponibili da istituzioni pubbliche e private per sostenere le persone che si trovano in difficoltà economica e…

Continua a leggereSOS “Cura i tuoi soldi”, la nuova sezione di educazione finanziaria di FEduF per persone in difficoltà economica

Tutela del credito e sovraindebitamento, quali sono gli strumenti a disposizione del cittadino?

Anni di crisi economica hanno messo il nostro Paese a dura prova, portando intere famiglie a confrontarsi con situazioni di difficoltà rispetto ad impegni economici, dal mutuo alla semplice bolletta,…

Continua a leggereTutela del credito e sovraindebitamento, quali sono gli strumenti a disposizione del cittadino?

Depositi dormienti, un tesoro di 2 miliardi di euro che è possibile “risvegliare”

Sarebbero più di 2 miliardi di euro i risparmi dormienti degli italiani, ossia quei depositi bancari dimenticati. Ma come diventano dormienti e come è possibile recuperarli? Depositi dormienti, cosa sono…

Continua a leggereDepositi dormienti, un tesoro di 2 miliardi di euro che è possibile “risvegliare”