Al momento stai visualizzando BENZINA. REA, CON GLI AUMENTI SI ACCENTUA DISAGIO SOCIALE E RABBIA DEI CITTADINI

BENZINA. REA, CON GLI AUMENTI SI ACCENTUA DISAGIO SOCIALE E RABBIA DEI CITTADINI

Anna Rea, presidente dell’Adoc, commenta così i dati odierni sul rincaro del costo della benzina alla pompa. “Siamo molto preoccupati per i rialzi dei prezzi della benzina arrivata ai massimi da 6 mesi: così non si fa altro che accentuare il disagio sociale e la rabbia dei cittadini. Nonostante in questi mesi si siano registrati cali nei prezzi di energia e anche nell’indice dell’inflazione, i prezzi al consumo continuano ad aumentare e visti i rialzi del costo del carburante, di certo non diminuiranno. Fare un pieno di benzina è diventato un privilegio per pochi eletti.

Auspichiamo interventi più incisivi da parte del Governo, e lo ribadiremo domani in Commissione Allerta Rapida sui prezzi. È necessario passare dai proclami alla concretezza per arrivare ad una effettiva soluzione che riduca i prezzi del carburante e del carrello della spesa. Chiediamo interventi strutturali e non bonus che non risolvono i reali problemi del Paese. È sempre più necessario a questo punto attivare, come abbiamo già richiesto in passato in Commissione, gli Osservatori per il monitoraggio dei prezzi, in tutte le regioni, per andare a stanare le anomalie e le speculazioni sui prezzi e soprattutto per dare immediate risposte alle famiglie. Lo scenario è aggravato anche da quanto sta accadendo nel Mar Rosso, che comporterà ulteriori problemi e rincari, in particolare per quanto riguarda le materie prime e l’energia, con un impatto diretto sulle tasche dei consumatori.

Se vogliamo che tutto cambi, bisogna che non tutto rimanga com’è”.